FBS_0511 (Custom).jpg

Nata nel 1983, Silvia comincia a studiare danza all'età di 10 anni e da quel momento il suo stile è sempre in evoluzione. Frequentando lezioni e numerosi stage, approfondisce lo studio delle le tecniche modern, contemporary e hip hop, entrando a far parte della Talent's Dance Company e Hip Hop Talent's di Lara Carelli a soli 16 anni.

La sua prima coreografia va in scena nel 2002 per lo spettacolo finale del liceo, "Sogno di una notte di mezza estate". Nello stesso anno inizia la sua carriera di insegnante di Hip Hop e danza moderna. Il continuo studio della danza è fondato soprattutto sulla ricerca coreografica ed espressiva: dal 2002 in poi Silvia insegna in numerose scuole delle Marche, riscuotendo gran successo di pubblico anche ìn vari contest e concorsi a livello nazionale.

Nel 2008 è ospite dell'Università dello Sport di Shanghai con un'esibizione organizzata in onore degli studenti internazionali. Dal 2009 è titolare dei corsi di Street Jazz presso la Luna Dance Center ASD. Il suo interesse per la danza la porta a viaggiare diverse volte negli Stati Uniti, dove approfondisce ulteriormente lo studio dello Street Jazz e dell'inglese: nell'agosto del 2009 si esibisce a New York in occasione della chiusura dei corsi estivi della New York University. 

La danza non è il suo solo interesse: la passione per l'insegnamento e per la Storia dell'Arte la portano ad intraprendere una carriera come professoressa di Disegno e Storia dell'Arte. Silvia è inoltre curatrice della mostra temporanea "Ancona Art Salon", che si tiene ogni anno presso La Mole Vanvitelliana di Ancona.

"Ok, aprite le gabbie"

Nel 2016, Silvia comincia a raccogliere tutte le “perle” di alunni, colleghi e collaboratori per realizzarne un libro. Il risultato è "Ok, aprite le gabbie", pubblicato nel dicembre del 2016 dalla casa editrice Guasco: un catalogo di battute, stralci di interrogazioni, estratti di lezioni che diventano, tratteggiati dalla penna tagliente dell'ironica professoressa, immagine della sconnessione del terzo millennio. 

 
 
 

Corsi

P1010017.jpg

Dal 2009 Silvia insegna alla Luna Dance Center ASD, centro fondato nel 1985 da Simona Ficosecco e diventato con il tempo uno dei maggiori riferimenti nazionali riguardo la divulgazione della danza, con oltre 700 membri e insegnanti nazionali ed internazionali.

Il corso di Street Jazz è stato creato e strutturato interamente da Silvia, grazie all'esperienza maturata nel corso degli ultimi anni. Articolato in 3 sezioni, si comincia dal riscaldamento che, attraverso dei movimenti che derivano dalla tecnica hip hop, si propone di riscaldare ogni singola parte del corpo accentuandone le isolazioni. A questo si aggiunge una parte di stretching in piedi e a terra, che termina con una serie di esercizi volti a riscaldare gli addominali, concludendo la prima parte della lezione.  

Si passa poi allo studio della tecnica, con esercizi utili per la coreografia che si andrà ad eseguire, ad esempio: tecnica dei piedi, ascolto musicale e lavoro sul ritmo, lavoro a coppie, uso dello spazio e approfondimenti sullo stile. Si arriva dunque alla terza ed ultima parte della lezione, che si concentra esclusivamente sulla coreografia. Questa varia a seconda dell’espressività che l’insegnante ricerca. In alcuni casi, a livelli più avanzati, si passa ad un vero e proprio laboratorio coreografico dove gli allievi sono chiamati a creare loro stessi una piccola sequenza di passi che verrà poi assemblata e corretta dall’insegnante.

Dal settembre scorso Silvia si prende anche cura del VideoDanceProject, un progetto volto alla valorizzazione degli studenti di danza più talentuosi, attraverso  la creazione di coreografie accompagnate da video, come quello qui sotto.

La sua esperienza come insegnante alla Luna la porta anche a conoscere Ryan Daniel Beck, ballerino e coreografo newyorchese, con la quale Silvia stringe un'amicizia e una proficua collaborazione artistica: oltre che partecipare alle coreografie sviluppate da Ryan, Silvia lo assiste più volte come assistente, sia alla Luna, sia a New York, e insieme si prendono cura dell'Ancona Art Salon.

Spettacoli

A partire dal 2002, Silvia ha partecipato a numerosi spettacoli, alternandosi nei ruoli di ballerina, coreografa, scenografa e regista. Qui sotto una selezione di spettacoli di cui Silvia va particolarmente fiera.

sy4.jpg

 

Carmen

In occasione dello spettacolo di fine anno della scuola ArteDanza di Macerata, Silvia decide di portare in scena un adattamento in chiave contemporanea della Carmen di Bizet.

Con la partecipazione dei fratelli Shehu, ballerini professionisti, la storia della tabacalera di Siviglia prende nuovamente vita sul palco, con coreografie di danza contemporanea con elementi Hip Hop. Silvia dirige e coreografa 34 ballerini sul palco.

Lo spettacolo va in scena nel giugno del 2008 e viene replicato nel novembre dello stesso anno al teatro Nicola Degli Angeli di Montelupone. 

The King

Da sempre ammiratrice di Michael Jackson, Silvia decide di portare in scena un tributo al re del pop, in occasione della sua scomparsa prematura.

Uno spettacolo di danza moderna e Hip Hop intervallato da video proiezioni, ideato, diretto e quasi interamente coreografato da Silvia. 

Con la partecipazione di 60 ballerini, lo spettacolo è andato in scena al teatro Lauro Rossi di Macerata nel dicembre del 2009, e replicato nel giugno nel 2010, grazie al successo riscosso.

Still for Tina

Una collaborazione con la band "Still For Tina", tributo a Tina Turner, ed un evento benefico a favore di AISLA (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica).

Silvia, oltre che partecipare in prima persona come ballerina, si prende cura, in veste di Dance Captain, di tutte le coreografie dello spettacolo, che va in scena nell'ottobre del 2010. 

Vista la grande partecipazione da parte del pubblico, nei mesi successivi vengono organizzate svariate repliche in diversi teatri del territorio marchigiano.

Art Salon

Mostraarte.jpg

Da cinque anni Silvia è curatrice, assieme a Ryan Daniel Beck, dell'Art Salon, un evento ormai imperdibile della stagione estiva anconetana.

Organizzato in collaborazione con La Luna Dance Center , l'Art Salon è un punto d'incontro di artisti dai background più diversi - arti figurative, poesia, musica, danza, recitazione. Nella suggestiva cornice della Mole Vanvitelliana, i visitatori della mostra sono in grado di partecipare a sessioni di disegno, assistere a spettacoli di danza e ascoltare musica dal vivo, mentre ammirano le opere degli artisti in mostra.

Durante l'evento la creatività viaggia libera in uno scambio di ispirazioni tra gli artisti e gli ospiti, che sono chiamati ad essere veri protagonisti e a lasciarsi coinvolgere e circondare interamente dall’arte.